Preparazione atletica per ballerini (parte2): danza e stretching

Nov 11, 2014   //   by Chiara Quartu   //   Danza Cagliari Blog, Lezioni  //  No Comments

stretching danza cagliari chiara quartuLa “preparazione atletica” di un danzatore è un lavoro molto impegnativo. Occorre infatti lavorare non solo sulla flessibilità, ma anche sulla rotazione, sull’allungamento, sul salto, sulla potenza muscolare ecc.

La lezione di balletto con sbarra, centro e salti, è il pane quotidiano di ogni danzatore o aspirante danzatore, ma per raggiungere una perfetta forma fisica è necessario affiancare alle lezioni di tecnica accademica anche lezioni di ginnastica, stretching e pilates per danzatori.

Oggi parliamo della “lezione di stretching” … 🙂

I nuovi canoni della danza classica, a prescindere dal fatto che poi questo a livello estetico possa piacere o meno, richiedono ballerine sempre più snodate, con gambe alte e schiene estremamente flessibili.

La lezione di stretching è quindi uno strumento indispensabile per migliorare l’apertura e l’elasticità del ballerino, e facilitare così l’esecuzione dei movimenti di grande ampiezza, tipici della danza classica, con armonia e scioltezza.

Nelle scuole di danza gli esercizi di stretching vengono generalmente proposti dopo la lezione di balletto, o dopo aver finito la sbarra, in modo tale che la muscolatura sia “calda” e sia quindi più facile da allungare.

Così come gli esercizi di ginnastica (vedi link) anche quelli di stretching fatti durante la lezione di danza, sono particolari esercizi pensati ad arte per i danzatori.

Quindi, ad esempio, anche facendo la spaccata , si cercherà di mantenere la rotazione lavorando in en dehors, ruotando il mignolino del piede della gamba che sta avanti verso il pavimento.

Ma come rendere più efficace lo stretching?

Stretching danza cagliari chiara quartu stage

Una mia allieva durante lo stretching allo stage con il Maestro Diego Funes del Peridance Capezio Center di New York – Scuola Evergreen luglio 2014 – organizzazione Chiara Quartu

Un’arma vincente: la respirazione

Quando si eseguono esercizi di stretching è fondamentale la respirazione.  Durante le lezioni vedo spesso allievi che, per il dolore e la fatica, trattengono il respiro, facendo quasi tutti gli esercizi di allungamento in apnea… niente di più sbagliato! questo infatti è un grave errore che non consente ai muscoli di allungarsi facilmente.
 

Come si respira durante lo stretching?

Quando si eseguono gli esercizi di allungamento occorre cercare di rilassarsi, inspirare con il naso e buttare fuori l’aria dalla bocca. Dopo un paio di cicli respiratori, quindi dopo un paio di volte che avrete inspirato e buttato fuori l’aria, potrete provare ad allungare gradualmente un po’ di più la muscolatura.

Vedrete…se utilizzerete la giusta respirazione, otterrete risultati sorprendenti! Provare per credere 😉
 
 
Buona danza e  ora… tutti a fare stretching! 😀
 
 

Leave a comment

*