Perché è importante affidarsi a un insegnante di danza classica qualificato

Ago 9, 2012   //   by Chiara Quartu   //   Danza classica, Lezioni, Varie  //  No Comments

Allievi scuola balletto classico Cosi-Stefanescu

“Il successo o l’insuccesso nello studio della danza dipende molto da come si iniziano gli studi; per questo occorre dare molta importanza alla scelta del maestro.” C.Blasis

Prendo spunto da questa frase di Carlo Blasis ( fu maestro di danza alla scuola di ballo del Teatro alla Scala di Milano, che diresse dal 1837 al 1850) per spingervi ad alcune riflessioni.

La danza classica è costituita da una serie di passi e movimenti codificati.

Per non recare pregiudizio all’apparato muscolare e scheletrico dell’allievo, tali passi e movimenti devono essere impartiti con grande precisione. Ciò significa che l’insegnante non solo li deve conoscere in modo preciso e dettagliato, ma deve anche saper strutturare le lezioni secondo un preciso programma di esercizi. L’insegnante deve cioè essere in grado di comporre le lezioni secondo un crescendo di difficoltà tecniche e di complessità nelle combinazioni, assicurando allo stesso tempo uno studio graduale e privo di rischi per gli allievi, anche in relazione all’età e allo sviluppo psico-fisico.

Faccio un esempio:

Il “pliè” (vedi il video “lezione alla sbarra pliè” nella gallery) è quel movimento che prevede un piegamento delle gambe con il bacino che scende perpendicolarmente verso il pavimento… Potrebbe sembrare un esercizio banale che chiunque può insegnare, ma in realtà è un movimento importantissimo per un danzatore e fondamentale per l’esecuzione di tanti altri esercizi.

Se il pliè viene insegnato senza prestare attenzione alla posizione corretta dei talloni durante la sua esecuzione, tale lacuna procurerà, oltre a una notevole carenza dal punto di vista tecnico e artistico per il ballerino, anche la probabile insorgenza di tendiniti e altri problemi muscolari a causa dell’esecuzione errata del movimento.

È facile comprendere che le sottigliezze tecniche di questo tipo fanno parte di quel bagaglio culturale e professionale che solo un insegnante qualificato può avere.

Troppo spesso invece, nelle scuole private, l’insegnamento viene svolto da personale non qualificato, con alle spalle uno studio non professionale, ma solo amatoriale della danza. Il risultato in questi casi come già detto, oltre a possibili danni all’apparato muscolo-scheletrico del bambino e dell’adolescente in crescita, è l’apprendimento da parte degli allievi di una serie di errori di impostazione, che molto difficilmente poi si potranno eliminare.

Vi sentireste più sicuri se a curare vostro figlio ci fosse il pediatra o un vostro amico semplicemente appassionato di medicina?

Spesso si sceglie la scuola di danza in base alla sua notorietà cittadina, o solo perché opera sul territorio magari da tanti anni, ma questo non è sempre sinonimo di qualità!

Informatevi invece per prima cosa sul curriculum e ricordate che per fare l’insegnante di danza classica non basta aver fatto una scuola amatoriale con l’aggiunta di qualche stage il fine settimana, ma occorrono anni di studio quotidiano con Maestri di livello.

Buona danza!  🙂

Leave a comment

*